Registro Pubblico delle Opposizioni

Le nuove regole del Marketing Telefonico
(Decreto del Presidente della Repubblica n°178/2010)

Con il lancio della campagna informativa superate le 550 mila iscrizioni

Sono oltre 7 mila i cittadini che ogni giorno si iscrivono nel Registro pubblico delle opposizioni, il servizio gratuito istituito il 1 febbraio per tutelare gli abbonati presenti negli elenchi telefonici dalle chiamate pubblicitarie indesiderate. Un risultato reso possibile dal lancio della campagna informativa, coordinata dal Ministero dello sviluppo economico, con il contributo della Presidenza del consiglio dei ministri e in collaborazione con il gestore del servizio, la Fondazione Ugo Bordoni.

Secondo le ultime indagini, la campagna – volta a favorire la consapevolezza dei diritti dei cittadini e rendere chiare le modalità di opposizione al trattamento dei dati personali – ha permesso al 35% degli italiani  di conoscere il servizio.

L'iniziativa è stata lanciata attraverso lo spot televisivo andato onda sulle reti Rai nei mesi di marzo e aprile. Infatti, nonostante il periodo di silenzio elettorale che vieta la comunicazione delle pubbliche amministrazioni, la trasmissione dello spot tv è proseguita con 5 passaggi giornalieri per tutto il mese di aprile, grazie all'autorizzazione dell'AGCOM che ha riconosciuto il carattere di indispensabilità e indifferibilità della campagna.

Oltre allo spot radiofonico trasmesso sul circuito Rai e su un circuito di radio locali che coprono gran parte del territorio nazionale, il Registro è stato promosso sui principali quotidiani online, tra cui Repubblica, Corriere della Sera e La Stampa, sulle agenzie di stampa come Ansa e sui portali come Virgilio. A fine aprile è stata la volta dei quotidiani free press con Leggo, City, Metro e D-News. La campagna si concluderà a luglio con la pubblicità sui settimanali di maggiore diffusione - secondo i dati AudiPress - come Tv Sorrisi e Canzoni, Oggi, Chi, Di Più e Famiglia Cristiana.

Anche alcuni operatori di telemarketing – che nel frattempo si sono dati un codice di autoregolamentazione – si sono mostrati disponibili a pubblicizzare la Robinson list italiana. Finora il contributo più significativo è arrivato da SKY, che ha trasmesso nei propri spazi televisivi, dall'8 al 21 maggio, lo spot del Registro, realizzato dalla Presidenza del Consiglio e messo gratuitamente a disposizione dei privati.

Pubblicato in data 1 giugno 2011

Fondazione Ugo Bordoni
Ministero dello Sviluppo Economico

Copyright (c) 2010-2015 Fondazione Ugo Bordoni - Codice fiscale 97201200587. Tutti i diritti riservati.


Valid XHTML 1.0 Strict

CSS Valido!